Home » Impianti » Impianti di Riscaldamento » guida alle stufe a legna: Cosa devi sapere

guida alle stufe a legna: Cosa devi sapere

Guida alle stufe a legna, in questa guida scoprirai tutto quello che devi sapere prima di comprarne una. Riscaldare con le stufe a legna, ovvero combustibile naturale. La necessità di riscaldare gli ambienti può essere soddisfatta con diversi mezzi e sicuramente le stufe a legna riscuotono un apprezzamento che non è diminuito col tempo e nonostante la concorrenza di soluzioni simili, vedi pellet, o molto differenti, come le stufe a gas o i condizionatori.

Questo sistema di riscaldamento è sicuramente uno dei più antichi, uno tra i primi sistemi per superare il freddo dell’inverno con minor disagio possibile.

Certamente i modelli sono cambiati, le stufe si sono evolute, sia nell’estetica che nel rendimento, ma non è tramontato il fascino del vedere la legna che brucia e beneficiare del suo calore.

Quando ti poni il problema di riscaldare casa, sicuramente valuti la possibilità di acquistare una stufa che sia alimentata a legna. Possiamo vedere insieme perché l’idea è tutt’altro che sbagliata.

Le stufe a legna: come funzionano

guida alle stufe a legna

Descritte in modo molto semplice ed intuitivo, le stufe a legna sono dei “contenitori” dove vengono posti a bruciare pezzi di legna di dimensioni più o meno grandi, provvisti di una canna per l’eliminazione del fumo e di uno sportello per l’inserimento del materiale da bruciare. Inoltre sono dotate di un cassettino per la raccolta della cenere da svuotare periodicamente.

Se le guardi con più attenzione, scoprirai che esse hanno un’intercapedine tra la camera di combustione, dove brucia la legna, e il rivestimento esterno. E’ in questo spazio che circola l’aria calda che viene portata all’esterno in modo naturale, oppure in modo forzato e cioè tramite un ventilatore.
Un elemento molto importante delle stufe è la canna fumaria, che deve essere perfettamente funzionante ed efficiente, per convogliare all’esterno il fumo anche in giornate ventose.

Guida alle stufe a legna: modelli per tutte le esigenze

Uno dei punti a favore delle stufe a legna moderne è quello di poter trovare facilmente il modello che, per materiali, colori, design, dimensioni e funzionamento si adatta al meglio allo stile e all’arredamento della tua casa.

Le stufe sono realizzate in ghisa, in acciaio, con rivestimento di ceramica, in pietra ollare: sicuramente trovi quella che più ti piace e che si adatta alle tue esigenze, anche in termini di prezzo.
Inutile dire che pure le forme e le dimensioni sono così tante e variegate che permettono di trovare il posto per la stufa in ogni ambiente, anche quelli più piccoli.
Non dimenticare, però, di fare un calcolo approssimativo che tenga conto delle dimensioni dell’ambiente e della potenza di calore raggiungibile dalla stufa: non pensare di poter riscaldare un grande spazio con una piccola stufa semplicemente aumentando il carico di legna.

Perché scegliere una stufa a legna: i vantaggi

Spesso il dilemma maggiore quando si decide di acquistare questo tipo di sistema di riscaldamento è quello di decidere se preferire modelli alimentati a legna o a pellet.

Vogliamo fare un confronto? I vantaggi delle stufe a legna rispetto alle dirette concorrenti che funzionano col pellet sono diversi.

Innanzitutto, un dettaglio fondamentale: la stufa a legna si può accendere sempre, anche in mancanza di energia elettrica che invece serve, anche se solo in fase di accensione, per le stufe a pellet.

La legna può bruciare in continuazione, basta aggiungerla, quindi la stufa non ha necessità di essere riaccesa una volta finito il carico di combustibile.

La legna è sicuramente il materiale più ecologico e, tra l’altro, immette nell’ambiente minori quantità di CO2.  Per chi abita in campagna o in montagna, poi, reperire la legna è facile ed economico e, avendo spazio, lo si può fare a tempo perso durante l’estate.
Un ulteriore vantaggio delle stufe a legna è il fatto che richiedono pochi interventi di manutenzione. Puoi tranquillamente gestirla ricordando di svuotare il cassetto della cenere, quando è quasi pieno.
Infine, la stufa a legna può essere sistemata al posto di un camino, sfruttandone il tiraggio, poiché l’unica cosa di cui necessita è la canna fumaria e non ha bisogno di elettricità.

Stufe a legna: prezzi e costi a confronto

Come puoi facilmente intuire, dopo che abbiamo visto quante tipologie e dimensioni di stufe si trovano sul mercato, è possibile spendere poco o tanto a seconda delle caratteristiche che chiedi al tuo ‘impianto di riscaldamento‘.
Una stufa piccola in acciaio si trova già a partire dai 300 euro. Fai attenzione: si intende il prezzo per la stufa, non compreso l’eventuale costo di montaggio se hai bisogno di un professionista che la metta in opera.
Aumentando la potenza termica della stufa, o scegliendo modelli di design particolare, il costo sale progressivamente e, in media, si attesta tra gli 800 ed i 1.500 – 2.000 euro, per una stufa in maiolica, ghisa o con forno, in grado di riscaldare ambienti di dimensioni grandi, ma non troppo.

Per saloni e ambienti molto ampi si arriva anche ai 4.000 euro, ma parliamo di stufe con capacità termica dai 10 ai 14 Kw. Per fare un confronto, tieni conto che per stufa di piccola capacità e circa 300 euro intendevamo una potenza di 4-5 Kw.
Chiaramente, non è il solo costo della stufa a determinare il risparmio o meno della scelta di una stufa a legna. Bisogna tener conto della manutenzione, ma questa può essere quasi nulla, soprattutto se sei capace di pulire, almeno una volta l’anno, la canna fumaria, e del combustibile.

Abbiamo visto che la legna non è solo ecologica, ma anche economica. Anche se non te la procuri da solo, il costo al chilogrammo è di pochi centesimi, quindi il costo giornaliero per riscaldare un ambiente di medie dimensioni è di circa un paio di euro. Tieni anche conto che dopo aver finito di bruciare, la brace che rimane continua a sprigionare calore per un periodo di tempo piuttosto lungo.

Il fascino delle stufe a legna è rimasto immutato nei secoli.  Grandi e piccoli, nelle fredde serate invernali, restano affascinati nel guardare lo scoppiettio della legna e i colori dal giallo, all’arancione, al rosso, delle fiamme che ardono.
Hai quasi voglia, per quest’inverno, di trascorrere un po’ di tempo godendo del calore più naturale che esiste?

Più venduti - Posizione n. 1
Più venduti - Posizione n. 2
Prity FM, stufa con forno a legna, 12 kW
  • Dimensioni della stufa: 490 x 460 x 930 mm.
  • Dimensioni del focolare: 410 x 380 x 320 mm (larghezza x profondità x altezza).
  • Dimensioni del forno: 360 x 370 x 190 mm (larghezza x profondità x altezza).
  • Standard EN 13240 / diametro canna fumaria 130 mm.
Più venduti - Posizione n. 3
Stufa a legna carbone acciaio Kir 9/12 Kw vetro ceramico piastra cottura
  • Potenza nominale 9Kw; Potenza massima 12 Kw
  • Dimensioni esterne cm. 46x38x75
  • Dimensioni del focolare cm. 37x30x35
  • Uscita fumi diametro cm. 12
Più venduti - Posizione n. 4

x

Guarda anche

bollitori

bollitori: cosa sono e come funzionano

SOMMARIO1 Bollitori con scambiatore fisso1.1 Dimensionamento del bollitore1.2 L’isolamento termico del bollitore1.3 Bollitori con scambiatore ...